26.06.20. u 13:58

La Casa degli affreschi a Draguccio quale centro visite e nucleo di un itinerario culturale per gli affreschi

Si è svolta oggi nella Casa degli affreschi a Draguccio la presentazione pubblica del suo contenuto interpretativo e della formazione di un centro visite quale nucleo di un itinerario culturale della pittura muraria in Istria.

Si stima che su una superficie relativamente piccola della penisola istriana sono stati conservati circa 150 siti con affreschi realizzati dall'antichità, fino al XX secolo. Questo numero aumenta con ogni nuova ricerca dei siti archeologici o con il rinnovo degli edifici ecclesiastici perché si trova sempre qualche nuovo esemplare di pittura muraria sia negli edifici secolari che nelle chiese. In senso culturologico questo è un fenomeno che l'Istria ha deciso di custodire e presentare.

Alla presentazione avvenuta alla presenza di un numero controllato e limitato di ospiti provenienti dalla vita culturale e pubblica, ha parlato il direttore del Museo storico e navale dell'Istria Graciano Kešac e la responsabile della Casa degli affreschi Sunčica Mustač che ha presentato la Casa degli affreschi. Nella sala conferenze della Casa degli affreschi ora attrezzata con materiale informativo, si sono rivolti al pubblico presente anche il Sindaco del Comune di Cerovlje Emil Daus e il facente funzione il Presidente della Regione Istriana Fabrizio Radin che hanno sottolineato l'importanza della pittura muraria dell'Istria e della valutazione del patrimonio culturale istriano.

La Casa degli affreschi a Draguccio sul territorio del Comune di Cerovlje fu inaugurata nel 2015, nell'ambito del progetto europeo REVITAS, il cui obiettivo era di rivitalizzare l'entroterra istriano. Nell'ambito del progetto è stato rinnovato un edificio a tre piani che una volta era una scuola, ed è dotato di sportello info e di una piccola galleria al pianterreno, una sala congressi al primo piano, un appartamento e un atelier al secondo piano. La Casa è dotata anche di una variegata attrezzatura tecnica, di materiale stampato sugli affreschi dal titolo „Tracce colorite“ ed è stato realizzato un contenuto digitale sui quadri murari più importanti sul territorio dell'Istria croata e slovena (http://revitas.org/hr/turisticki-itinerari/freske/). 

Nel 2017 la Casa degli affreschi diventa una sezione del Museo storico e navale dell'Istria a Pola e opera in diversi campi comprendendo varie attività che si possono raggruppare in attività formativa, museale, scientifica e professionale e infine turistica. Dal 2017 la Casa degli affreschi a Draguccio ha organizzato una serie di simposi e seminari nazionali e internazionali nel campo del patrimonio culturale, laboratori sulla realizzazione degli affreschi, corsi di aggiornamento per insegnanti, professori e operatori turistici, ha pubblicato del materiale stampato e ha avviato la banca dati online dei beni culturali con libero accesso, dal nome Istarska kulturna baština / Patrimonio culturale istriano (http://www.ppmi.hr/hr/patrimonio/), che serve da supporto a persone che si occupano di scienza, esperti e a chi viene a visitare l'Istria.

Nell'ambito della Casa degli affreschi sono state organizzate anche delle mostre del posto e itineranti, mentre la grande mostra sulla storia della tutela della pittura muraria in Istria „Čuvari istarskih fresaka“ (I custodi degli affreschi istriani), dove sono stati presentati i siti istriani più rilevanti, rimane ancora aperta al Castello di Pola. È in corso anche la mostra internazionale sulla pittura muraria di due regioni – l'Istria e la parte settentrionale del Friuli, organizzata in collaborazione con l'associazione Ad Undecimum di San Giorgio di Nogaro, attualmente nell'edificio del parlamento regionale di Trieste. Quest'anno ci sarà anche la stampa di una dettagliata monografia sulla pittura murale nell'ambito della serie dedicata al Patrimonio artistico della chiesa istriana dove la Casa degli affreschi è coeditrice e fa parte della redazione. La Casa degli affreschi raccoglie anche la documentazione sugli affreschi e in generale sul patrimonio culturale, offre alloggio a professionisti e scienziati, come pure di usare gli uffici qui presenti.

Nell'ambito del progetto per la formazione di un centro visite e del centro dell'itinerario culturale per gli affreschi, la Casa degli affreschi è fornita di nuovo materiale informativo nel quale sono rappresentate le nuove conoscenze e ricerche nel campo della pittura muraria, presentate e spiegate in tre lingue (croato, italiano e inglese) in modo semplice e figurato. I testi sono stati scritti dalla responsabile della Casa degli affreschi, mentre l'autore della mostra è il designer Mauricio Ferlin. Il contenuto è stato concepito in modo da fornire ai visitatori uno spunto per svolgere altre ricerche sulla pittura muraria, come pure a visitare gli altri quadri murari in Istria. Con questo si eleva la coscienza sul patrimonio culturale dell'Istria in generale, ma anche sulle professioni e gli istituti che partecipano allo studio di questo patrimonio, come pure al suo rinnovo e alla sua presentazione.