08.02.19. u 11:39

Il Presidente Flego: Desideriamo essere la regione leader nella tutela ambientale

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego ha partecipato ieri a Bruxelles assieme ai sindaci di Pola Boris Miletić, di Rovigno Marko Paliaga e al direttore dell'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) Boris Sabatti alla conferenza „Accordo dei sindaci – le migliori prassi regionali e le opportunità di finanziamento verso gli obiettivi del 2030“, nell'ambito del progetto LIFE SEC ADAPT.

Dell'importanza di questo evento parla in particolare il fatto che ha radunato molti dirigenti di città, regioni e stati, ma anche persone influenti che si occupano di questioni ecologiche come il Presidente del Comitato europeo delle regioni Karl-Heinz Lambertz. L'obiettivo della conferenza è la promozione dei risultati raggiunti delle città firmatarie della più grande iniziativa mondiale per il clima e l'energia urbani detta „Accordo dei sindaci“, un'iniziativa che riunisce migliaia di poteri locali e regionali che si sono dedicati volontariamente all'attuazione degli obiettivi climatici ed energetici dell'UE sul loro territorio.

Quale unico rappresentante delle regioni croate, delle città e dei comuni, il Presidente Flego ha partecipato alla tavola rotonda tenutasi nell'ambito della Conferenza e ha menzionato gli esempi di buona prassi in Istria per quel che concerne i mutamenti climatici, l'energia e la tutela ambientale.

„Quali poteri regionali responsabili non abbiamo voluto ignorare i mutamenti nelle nostre vicinanze, ma avere un piano strategico di sviluppo sostenibile che ci darà la direzione nella tutela ulteriore delle nostre risorse più preziose. Con questo obiettivo la Regione Istriana è stata la prima in Croazia a redigere nel 2015 la Strategia dello sviluppo sostenibile – il Piano verde dell'Istria. Un anno dopo, 6 città dell'Istria – Pinguente, Albona, Pisino, Parenzo, Pola e Rovigno hanno firmato l'Accordo per il clima e l'energia, che è stato uno degli obiettivi del progetto UE LIFE SEC ADAPT“, ha detto il Presidente Flego aggiungendo che attraverso il progetto menzionato l'Istria ha attinto dai fondi dell'UE 7 milioni di kune.

„I firmatari si obbligano a ridurre le emissioni di CO2 sul loro territorio per un minimo del 40% fino al 2030 con un uso più efficace dell'energia e un uso maggiore di fonti d'energia rinnovabili e ad assumere un approccio integrato per alleviare e adattarsi ai mutamenti climatici“, ha continuato il Presidente Flego.

Al progetto partecipano l'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) in veste di coordinatore del progetto, la Regione Istriana e le sei città istriane menzionate che per prime in Croazia realizzeranno i „Piano d'azione per l'energia sostenibile e la lotta contro i mutamenti climatici (SECAP)“.

„Proprio adesso quando è in piano la pianificazione del nuovo bilancio dell'UE per il periodo dal 2021 al 2027, è indispensabile che l'ecologia e i „posti di lavoro verdi“ siano delle direttrici strategiche e che i progetti di questo settore si possano finanziare dai Fondi di coesione. Noi abbiamo già ora pronti numerosi progetti che desideriamo candidare per essere negli anni a venire una regione leader nella tutela ambientale e per realizzare tutti gli obiettivi dell'Accordo di Parigi“, ha dichiarato il Presidente Flego che si aspetta che lo Stato con leggi, piani operativi e mezzi finanziari operi nella stessa direzione.

Secondo il Presidente Flego la conferenza è stata molto importante e la questione più importante è in che tipo di città, regione e stato desideriamo vivere nel 2030 e in che modo formare i progetti che fino ad allora realizzeremo seguendo questo obiettivo.

„Allo stesso modo, penso che finora l'Accordo dei sindaci sul clima abbia posto dei buoni obiettivi iniziali e dei fondamenti per continuare in questa direzione e sono stati realizzati, come abbiamo avuto modo di sentire, numerosi progetti. Con questo l'Accordo ha raggiunto il suo obiettivo ed è tempo di aggiornarlo“, ha concluso il Presidente della Regione Istriana Valter Flego.