11.04.18. u 15:48

Inaugurato a Prenzo il VII Forum delle regioni croate e polacche

È stato aperto oggi a Parenzo il settimo Forum delle regioni croate e polacche. Questo incontro è il risultato di una buona collaborazione fra la Comunità croata delle regioni e l'Unione dei ducati della Repubblica di Polonia e si ricollega alle conclusioni del forum precedente tenutosi nell'ottobre dell'anno scorso nella città polacca di Torun. Conformemente a ciò l'accento sarà posto sulla pianificazione strategica dello sviluppo delle regioni polacche e croate fino al 2030, uno sviluppo uniforme attraverso l'incentivazione delle aree rurali, l'importanza degli investimenti nelle regioni e nell'istruzione e cultura nelle regioni.

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego ha augurato il benvenuto ai presenti e ha espresso la sua soddisfazione per il fatto che la settima edizione del Forum si tiene proprio a Parenzo.

„Sono sicuro che la Regione Istriana è il fiore all'occhiello per la sua disponibilità e la buona cooperazione internazionale e spero che nei prossini due giorni scambieremo delle idee per migliorare la vita della gente, sia nella Repubblica di Croazia che nella Repubblica di Polonia“, ha dichiarato il Presidente Flego.

Il Presidente dell'Unione croata delle regioni e Presidente della Regione di Sebenico e Knin Goran Pauk ha ricordato il ruolo dell'autogoverno regionale nell'ambito della prossima prospettiva finanziaria dell'Unione Europea.

„L'autogoverno regionale è un collegamento importante fra la comunità locale e il livello nazionale per quel che concerne le questioni che riguardano il miglioramento della vita dei nostri cittadini perché può nel modo più efficace possibile rispondere alle loro esigenze. La partecipazione delle regioni ai preparativi e alla programmazione dei programmi operativi è indispensabile affinché la Repubblica di Croazia sfrutti nel modo più qualitativo possibile e in modo destinato i mezzi dell'Unione Europea per uno sviluppo uniforme di tutte le aree della Croazia", ha sottolineato nel suo discorso introduttivo il Presidente Pauk.

 „Questi incontri sono iniziati quando le condizioni erano diverse – la Polonia era membro dell'Unione Europea,  mentre la Croazia stava appena entrando. Da questo primo incontro nel 2011 è stato fatto molto, le nostre regioni sono più sviluppate ma desideriamo continuare a svilupparci e in questo senso una cooperazione di questo genere per noi è molto importante“, ha dichiarato anche il Presidente dell'Unione dei ducati della Repubblica di polonia Olgierd Geblewicz e ha aggiunto che in questo processo è molto importante usare i mezzi dei fondi dell'UE.

„Nel periodo a venire il bilancio dell'Unione europea sarà diminuito, ma è importante per la Polonia e la Croazia di lavorare per la politica di coesione, molto importante per lo sviluppo delle nostre regioni“, ha concluso Geblewicz.

Oltre all'importanza economica il Forum ha dimostrato la continuazione dei rapporti di amicizia fra Polonia e Croazia, paesi che, oltre ad avere una mentalità vicina, condividono anche delle sfide simili legate alle questioni economiche e all'assetto regionale. Il Forum delle regioni croate e polacche si terrà fino a venerdì 13 aprile a Parenzo, sotto il patrocinio della Presidente della Repubblica di Croazia Kolinda Grabar-Kitarović, del Presidente del Parlamento croato Gordan Jandroković, del Ministero degli affari esteri ed europei, del Ministero dell'economia, dell'imprenditoria e dell'artigianato, del Ministero della scienza e dell'istruzione, del Ministero dell'agricoltura, del Ministero dello sviluppo regionale e dei fondi dell'Unione Europea, Agenzia per lo sviluppo regionale della Repubblica di Croazia e Fondazione Konrad Adenauer.

I coorganizzatori del settimo Forum sono l'Ambasciata della Repubblica di Polonia a Zagabria, la Regione Istriana, la Camera croata d'economia e la Città di Parenzo.