18.07.17. u 15:18

Dal fondo dell'UE per lo sviluppo rurale, 65 milioni di kune per 12 progetti istriani

Al concorso conclusosi di recente dal Fondo UE per lo sviluppo rurale, è stato approvato il finanziamento di addirittura 12 progetti dall'Istria, per un valore di circa 65 milioni di kune. Si tratta del primo concorso per l'attuazione della sottomisura 7.2.1. "Investimenti nella costruzione di sistemi pubblici per l'approvvigionamento idrico, lo smaltimento, la depurazione delle acque di scarico" bandito dal 5 settembre al 5 ottobre 2016.

I risultati del concorso sono stati presentati all'odierna conferenza stampa tenutasi nella Città di Pinguente dal Presidente della Regione Istriana Valter Flego, dal Sindaco di Pinguente Siniša Žulić, dal direttore del Sistema di tutela delle acque - IVS Daniel Maurović, dal Presidente del Comitato di sorveglianza dell'IVS Igor Božić, dal direttore dell'Acquedotto istriano Mladen Nežić, dal direttore dell'Acquedotto di Pola Dean Starčić, e dal membro del Consiglio d'amministrazione dell'azienda municipalizzata „ 6. Maj “ s.r.l. Umago Reuf Šerbečić.

Il Presidente Flego ha detto di essere soddisfatto del successo avuto che è il risultato della collaborazione e di un lavoro comune. Secondo Flego questa è la conferma che in Istria si sanno preparare e scrivere dei progetti di qualità dai quali si attinge poi ai mezzi dei fondi europei.

„Sono convinto che anche i futuri concorsi del fondo summenzionato previsti per quest'autunno, confermeranno la nostra competenza. Abbiamo 15 nuovi progetti che candideremo e sono sicuro che otterremo nuovamente degli ottimi risultati“, ha detto il Presidente Flego complimentandosi con tutti quelli che hanno lavorato a questi importanti progetti.

Il Sindaco Žulić si è complimentato con i presenti, esprimendo il suo contento peri l fatto che gli investimenti nell'approvvigionamento idrico e nello smaltimento delle acque saranno finanziati dai fondi europei e non andranno a carico dei consumatori.

Al Sistema istriano di tutela delle acque - IVS sono stati approvati tutti i 9 progetti candidati, per un valore di 48,8 milioni di kune, all'Acquedotto di Pola un progetto di 6 milioni di kune, all'Acquedotto istriano di Pinguente un progetto di 2,7 milioni di kune e all'azienda municipalizzata „ 6. Maj “ s.r.l. Umago un progetto del valore di 7,1 milioni di kune.

Come ha sottolineato il direttore Maurović, l'IVS ha presentato 9 sistemi di 9 diverse unità d'autogoverno locale, sette delle quali è solo per la rete dei collettori e per due sistemi la rete e l'impianto di depurazione delle acque reflue. Si tratta dei sistemi Podmeja - Cerje - Grimalda, Ritošin Brig, Rapavel - Anžići-Smolići, Štrmac, Lindar, Loborika, Ročko Polje, Vicani e Mandalenčići.

L'importo complessivo ammissibile per il cofinanziamento ammonta a 48,8 milioni di kune e copre il 100% dell'investimento.

L'azienda municipalizzata „ 6. Maj “ s.r.l. di Umago ha presentato il progetto „Il sistema fognario dell'insediamento Livade – la rete fognaria con la stazione di pompaggio e l'impianto di depurazione delle acque reflue“, del valore di 7,1 milioni di kune. Il progetto comprende: la costruzione dell'impianto di depurazione delle acque reflue „Livade“ della capacità di 200 + 200 ES, la ricostruzione di 188,00 m di rete, la costruzione di 3.043,00 m di nuova rete fognaria e la costruzione di una stazione di pompaggio.

L'Acquedotto istriano di Pinguente investirà 2,7 milioni di kune nella sezione dell'acquedotto di Črnica presso Pinguente, nelle tubature e nella rete di distribuzione dell'insediamento Črnica per una lunghezza complessiva di 1.500 m.

L'Acquedotto di Pola ha ottenuto i mezzi per il progetto "Ricostruzione della rete idrica esistente nell'insediamento Valtura sul territorio del Comune di Lisignano“, dell'ammontare di 6.056.170,20 kn. Il progetto prevede la ricostruzione e la costruzione di 5.556 m complessivi di tubature. Il valore complessivo del progetto è 8 milioni di kune. L'attuazione del progetto migliorerà il sistema attuale di approvvigionamento idrico, si garantirà un approvvigionamento continuo, si ridurranno le spese e la manutenzione, come pure il numero di reclami degli utenti finali sul servizio di approvvigionamento idrico. Con la costruzione di parte della rete dell'acquedotto prevista nel progetto, si creeranno le condizioni per cambiare gli allacciamenti provvisori in allacciamenti duraturi, inclusa la possibilità di avere il contatore sulla propria particella), e l'allacciamento di nuovi consumatori.